PRUGNA E SUSINA

Senza volerlo, Vanessa ha immortalato il mio albero di susine nel video “Non diamo peso al peso!” sotto al quale io e Sheila siamo sedute.

susinaQuell’albero, a distanza di poche settimane dal video, ci ha regalato tantissimi frutti che qualche giorno fa io e la piccola Frida abbiamo raccolto.

susina1Le susine contengono quasi il 90% di acqua, quindi sono particolarmente dissetanti e i minerali che ci sono (potassio, calcio fosforo) aiutano l’azione depurativa dell’organismo. Ci sono anche zuccheri, magnesio e fibre così da regolare il transito intestinale. Nelle prugne e nelle susine troviamo acido malico, succinico, tartarico, citrico, polifenoli e flavonoidi. La prugna stimola il sistema nervoso, disintossica e diversi studi hanno riscontrato benefici nell’aterosclerosi. Ci sono due varietà principali di prugne: quella di colore violaceo (con più presenza di antociani) e la varietà verde-giallo, che contiene più flavonoidi e betacarotene. Benefici lassativi li riscontriamo sia col frutto fresco che secco, consumandone almeno 4-5. Le susine sono tondeggianti e sono di color vinaccio (buona quantità di antociani) o biondo-chiaro (flavonoidi). A livello nutrizionale, tra prugna e susina ci sono differenze: la prugna ha azione lassativa maggiore, con stimolazione metabolica data dalla clorofilla (soprattutto in quella di colore verde), invece, la susina ha più fruttosio e ferro ed è più diuretica.

(altro…)