IL CARDIOFREQUENZIMETRO

868145_GB_00_FB_EPS_1000

Spesso nei miei articoli ho citato il “cardiofrequenzimetro” … ma tutti sappiamo che cos’è e come si usa? Il cardiofrequenzimetro è uno strumento che misura la frequenza cardiaca (il numero di battiti che il cuore compie in un minuto) e conseguentemente lo sforzo a cui il cuore è sottoposto. Grazie ad un sensore posto all’ interno di una fascia toracica, il cardiofrequenzimetro trasmette dei segnali elettromagnetici che verranno poi elaborati e ritrasmetti in un orologio ricevitore.

Toglietevi dalla testa che sia uno strumento che debba essere usato solo da professionisti : sia se ti stai allenando in palestra che decidi di fare una semplice corsa ti aiuterà ad avere un’ idea precisa dello sforzo che stai facendo; il fatto di arrivare ad una frequenza ben precisa ti sarà da stimolo durante tutto il tuo allenamento;

CARDIOFREQUENZIMETRO

avrai una meta, dovrai decidere con il tuo personal trainer in base ai tuoi obiettivi la soglia su cuoi lavorare :

INTENSITA’  (%Fcmax)                   ESERCIZIO                           OBIETTIVO

50/60%                              esercizio molto leggero              mantenersi in forma

60/70%                                         leggero                      perdere peso e bruciare grassi

70/80%                                       moderato                       incrementare la resistenza

80/90%                                         elevato                           prepararsi ad una gara

90/100%                                     massimale           migliorare la prestazione anaerobica

Oltre a questo il cardio ti farà capire le tue condizioni fisiche e il tuo grado di allenamento, lavorerai in modo mirato e sarà assolutamente stimolante.

30 anni fa fu scoperta la formula per calcolare la frequenza cardiaca massima e questa formula mette in relazione la Fc con l’ età del soggetto secondo la formula di Karvonen lo studioso finlandese che la elaborò per primo:

FCMax = 220 – ETA’

Si è visto che l’ affidabilità di questa formula è limitata ed i suoi risultati sono validi solo per studi popolazionistici; è stata infatti dimostrata l’ esistenza di uno scostamento tra una FCMax teorica che può arrivare sino al 10-15%. Così recentemente è stata elaborata una nuova formula (di Tanaka) leggermente più precisa della precedente.

FCMax = 208 x 0,7 x età

Le due formule convergono in un risultato comune per soggetti di 40 anni mentre per individui più giovani o più anziani la prima, sovrastima e sottostima, rispettivamente, il risultato.

Entrambe le formule sono però attendibili per calcolare la nostra frequenza cardiaca!

Buon allenamento

Sheila

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *