SUDARE FA DIMAGRIRE?

goccIA

Spesso quando l’ obiettivo è quello di dimagrire ci si posiziona sul tapisroulant cercando di sudare il più possibile… certo non è sbagliato, muoversi e fare attività è una di quelle cose che stimola il nostro metabolismo e che quindi ci può aiutare a raggiungere il nostro obiettivo, ma il problema nasce quando capisco che ci si convince che più si suda più si perde peso, nasce quando vedo persone in estate allenarsi come se dovessero andare a sciare a dicembre, pantalone felpato, t-shirt, felpa e alcune volte anche il ki-way, per non parlare di quelle orribili tute in plastica o fasce di neoprene per l’ addome tanto pubblicizzate!  Tutto questo quando all’ interno della palestra ci sono almeno 24° …e perchè? “Perché se sudo dimagrisco!”

Da cosa è formato il sudore ?

L’ acqua che perdiamo sudando è formata da acqua ed ellettroliti (sodio, cloro, potassio e magnesio) con modeste quantità di rame, ferro, vitamine, ormoni, urea, creatinina, aminoacidi, acido lattico e glucosio (come potete notare non c’è traccia di grasso). Viene prodotto dalle ghiandole sudoripare disposte nello strato sottocutaneo in modo più abbondante in alcune zone del corpo rispetto ad altre.

Quando e perché viene prodotto il sudore?

Il nostro organismo tende a mantenere uno stato di omeostasi, cioè di equilibrio interno : è per questo che cercherà sempre di mantenere una temperatura interna di 36-37 gradi centigradi . Questo fenomeno avviene a maggior ragione quando si intraprende un’ attività fisica, in quanto il movimento porta ad un aumento di temperatura corporea ed è proprio attraverso la sudorazione che il corpo espelle il calore in eccesso facendolo evaporare come meccanismo di difesa raffreddando la cute e il corpo. C’ è anche da dire che se non vi è evaporazione non vi è raffreddamento quindi, oltre che inutile, è anche pericoloso avvolgersi in chissà quale materiale, in quanto quest’ ultimo impedisce al sudore di evaporare con il rischio di surriscaldarsi (pericoli: colpi di calore, svenimenti, dispnea: difficoltà a respirare etc…).

143772941934

E’ vero che dopo aver sudato nella bilancia leggerete qualche etto o chilo in meno ma C’ E’ DIFFERENZA TRA PERDERE PESO E DIMAGRIRE, apparentemente sono sinonimi, ma uno è quantitativo (quanti chili ho perso?) e uno è qualitativo (dei chili persi quanti di muscolo?Quanti di grasso?). Per concludere, se hai deciso di dimagrire e di allenarti, non utilizzare come metro di misura il sudore per capire se ti stai allenando in modo corretto, la cosa migliore primo fra tutti è fare una bioimpedenza e vedere dove e come andare a lavorare, secondo utilizzare un CARDIOFREQUENZIMETRO, quello strumento che ti consente di monitorare il tuo battito cardiaco durante l’ allenamento. Esiste un range di frequenza cardiaca specifica per il dimagriemnto compresa tra il 65% e il 75% della tua frequenza cardiaca massima. Affidatevi a persone competenti ed organizzate il vostro programma allenante personalizzato!

Sheila

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *