LA CURA MIGLIORE DOPO LA MENOPAUSA SI CHIAMA MOVIMENTO

MENOPAUSA

La cura migliore dopo la menopausa si chiama movimento e a dircelo è l’ ESCEO (European Society for Clinical and Economic Aspects of Osteoporosis Osteoarhitis), il movimento è uno degli aspetti più importanti da tenere in considerazione passati i 50 anni!

Con il passare dell’ età e con il brusco calo di estrogeni legato alla fine dei cicli mestruali si è soggetti in maniera più importante a osteoporosi e sarcopenia, cioè alla perdita della massa muscolare, con conseguente instabilità posturale e riduzione della produzione basale di energia.

Svolgere costantemente attività fisica è una delle strategie più efficaci per ridurre il declino fisico e cognitivo, per questo secondo me andrebbe prescritta in maniera personalizzata ad ogni paziente! Per una donna in salute è consigliabile mixare delle attività di tipo aerobico come la camminata o la corsetta leggera, la piscina, l’ acquagym o la cyclette ad attività prevalentemente di potenziamento muscolare con degli esercizi assolutamente personalizzati e mirati con pesetti, elastici, piccoli attrezzi o perché no con esercizi a corpo libero che implichino piegamenti delle gambe, estensioni sulle punte dei piedi, flessioni delle braccia e/o circonduzioni delle spalle in base alle problematiche/obiettivi di ognuno. Il tutto unito ad esercizi che aiutino l’ elasticità muscolare, allo stretching ed a movimenti atti a migliorare la postura.

Non meno importante un’adeguata alimentazione.

Ecco Claudia:

Proprio per ovviare all’inevitabilità di sarcopenia e osteoporosi, l’apporto di calcio deve aumentare. Quindi via libera agli alimenti che ne possiedono, come latte, latticini, acque con contenuti di calcio maggiori, broccoli, rucola.

broccoli

Anche lo zinco è un micronutriente importante, presente nelle proteine animali.

latte11

Attenzione però alla carne rossa, troppo ricca in colesterolo (questo è un valore che spesso aumenta con l’età), quindi, meglio pesce che carne, o comunque meglio carne bianca che carne rossa. Evitiamo anche i soffritti (l’olio deve essere sempre a crudo!) per non favorire un aumento di grassi saturi, nemici della vita ma in menopausa ancor di più! Il ferro è invece un valore che migliorerà visto che non si ha più la perdita ematica mensile. Donne, cercate di mangiare meno… soprattutto se non si fa movimento adeguato ma… mangiare meglio resta sempre la miglior cosa! Largo spazio a legumi (soprattutto la soia che è un fitoestrogeno naturale) che simulano l’azione estrogenica, ai cereali integrali, all’acqua in buona quantità e… attenzione al sale: la pressione e la circolazione potrebbero risentirne particolarmente in questa fase. Per evitare l’innalzamento della glicemia nel sangue, bisogna prestare attenzione anche agli alimenti ad alto indice glicemico.

Avete tutte le informazioni necessarie… Niente più scuse!!!

Sheila & Claudia

 

 

 

(foto donnallamoda)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *