La solita minestra!

minestra1

Siamo arrivati agli ultimi controlli del peso prima di Natale, poi anch’io chiudo baracca e burattini e ci si rivede a gennaio con la dieta e prove bilancia. Questo non significa che durante le feste non si debba continuare a seguire un regime alimentare corretto, ma sappiamo che le tentazioni sono tante e veniamo sovrastati dalle cene con i parenti, con gli amici, cene aziendali, feste, aperitivi con chi non hai modo di frequentare in altri periodi dell’anno, qualcuno si sposa, poi c’è Capodanno, i panettoni che ci vengono regalati e le palestre che sembrano difficili da raggiungere in quei giorni… e allora scatta la domanda: “Come devo mangiare quando non ho cene fuori?” Eh, gran bella domanda. Dobbiamo inventare piatti ricchi di verdure e che riempiano tanto. La minestra sarebbe perfetta, accompagnandola semmai con un alimento proteico.

Nella minestra possiamo mettere molte cose, volendo anche avanzi del giorno prima, verdura cotta o formaggi. Così mangiamo in estrema economia evitando di far finire nei rifiuti pietanze rimaste in frigo. Consiglio sempre il passato di verdura, semmai con cereali (pasta o riso o farro…) e legumi. L’acqua contenuta nel passato o minestrone ci riempie, abbiamo anche tanti sali minerali! Alla base della minestra sarebbe buona abitudine utilizzare l’acqua con cui abbiamo cotto le verdure, possiamo mantenerla 1-2 giorni nel frigo. Poi se ci pensiamo bene, mettendo nel passato di verdura la pasta, la quantità che mangiamo è limitata. In media in una minestra mettiamo 30-40 gr di pastina ad esempio, invece per riempirci con un piatto di pasta al pomodoro (sempre mediamente) abbiamo bisogno di almeno 70-80 gr (parlando di una donna, in un uomo anche più). E così possiamo prendere un po’ di spinaci cotti il giorno prima, trovare una carota, una zucchina, mettere qualche lenticchia, un po’ di farro, erbe aromatiche, curcuma, timo. E il minestrone è fatto! Poi, a scelta, decidere se frullare il tutto o lasciare a pezzettoni. Si può prendere anche il pane raffermo, invece di buttarlo via! Così, ad esempio, il giorno che seguirà la supermangiata con i parenti o dopo troppi stravizi, prepariamo una minestra con ciò che ci piace di più e/o ci depura. Ah, diffidate sempre, ma già lo sapete, di quelle diete che obbligano di nutrirsi di passato di verdura per tutto il giorno. Non sono soluzioni miracolose! L’alimentazione deve essere sempre varia ed equilibrata!!!

Claudia

PS: Esiste anche la versione minestra fredda, ma d’inverno non è proprio consigliata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *