Ciambellone a forma di… CUORE!

cuoreciamb

Da quando Frida ha scoperto la parola “cuore”, la ripete un numero indefinito di volte al giorno ed è spesso la risposta di tante domande a cui non sa rispondere! Che maglietta vuoi indossare? CUORE! Le scarpe? CUORE! E così via. Non è stato quindi del tutto inaspettato sentirmi dire “cuore” anche dopo aver chiesto cosa portare alle cuginette visto che era in programma una cena a casa loro. E’ stato facile soddisfarla: ho lo stampo in silicone dell’Ikea a forma di cuore e ho pensato a un dolce semplice e veloce con ciò che avevo disponibile (sempre molto poco con le feste di mezzo!). Però casa nostra sembra la fabbrica di cioccolato, mancano gli Umpa Lumpa e poi è fatta! La Pasqua ci ha lasciato in eredità uova che piano piano andiamo spiluccando con il proposito “Questo è l’ultimo pezzetto, poi basta!”. Ho fatto un resoconto: uova ci sono, farina e zucchero pure, un po’ di latte si trova sempre… et voilà! Si può fare un dolce tipo il ciambellone (rigorosamente a forma di cuore per non deludere la piccolina!), più rapido di così, non c’è nulla! Ho unito le mie forze materiali (ciò che mi regalava il frigo e la credenza) e ho iniziato a preparare. Ah, anche se ho inserito questo articolo nella sezione ricette light, sappiate che di light c’è ben poco… anche se ho cercato di rendere il dolce più povero rispetto ad altri ciambelloni che hanno molti più ingredienti, come il burro…

ciambcuore

Ingredienti: 200 gr di farina, 100 di zucchero, 1-2 cucchiaini di olio di mais, 4 uova (si poteva fare anche 2 interi e 2 albumi), 1 cucchiaino di lievito e un po’ di latte per sciogliere la cioccolata dell’uovo di Pasqua.

Il procedimento è di una stupidità estrema: le uova vanno mescolate (con robot o fruste) con lo zucchero e poi aggiungiamo farina, olio, lievito e la cioccolata sciolta in un pentolino con poco latte. Ho messo tutto nello stampo e via a 180° nel forno. Circa 35-40 minuti dopo, ho fatto la prova stecchino ed era tutto pronto. Ho “spruzzato” con zucchero a velo e siamo andate a casa delle cuginette! Frida era felice e ha ripetuto per tutto il tragitto “Mamma cuore tatà!” (Traduzione: “Mamma ha fatto il cuore per le bimbe”)

Tanti cuori a tutti!

Claudia

PS: A proposito di cuori, vi consiglio un blog dolcissimo di ricette e poesie: www.pentolepoesie.wordpress.com Dateci un’occhiata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *