Il dado è tratto!

 

1469983_10151761463716003_129883498_n

Ma noi cuciniamo un risotto con il dado? E i legumi? Che dado compriamo? Avete mai letto l’etichetta riportata sulla confezione? Glutammato sì o glutammato no?

1470624_10151761460126003_1040236585_n-1 1459191_10151761460871003_79442132_n

La parola “glutammato” ci dà l’idea di qualcosa da temere, qualcosa di chimico. A volte indicato con E621 o E625, o lì intorno. Se qualche prodotto “si vanta” perché non lo contiene, un motivo ci sarà…

Il glutammato monosodico deriva dall’acido glutammico, un aminoacido non essenziale che si trova in molte alghe e in verdure. Nel mondo ne viene prodotto (e quindi consumato) in maniera esagerata (chiamato anche additivo camaleonte): forse ci viene in mente solo il dado ma in realtà lo troviamo in gran quantità anche nel parmigiano e nei piselli congelati o in scatola. E non solo, anche nelle carni e verdure in scatola, in prodotti pronti, caramelle, surgelati e liofilizzati. C’è chi tragicamente narra problemi al sistema nervoso ma non credo esista una letteratura scientifica a riguardo. Fatto sta che, nel dubbio, e visto che in realtà non possiamo effettivamente sapere cosa ci sia di preciso in quel dado che distrattamente buttiamo in pentola, il consiglio più spassionato è quello di fare il dado fatto in casa, è veramente semplice e ha un lungo tempo di conservazione (grazie all’elevato contenuto di sale). Oppure, anche meglio, si congela.

E così, mi ricollego al titolo: il dado è tratto, o citando proprio la locuzione latina (frase attribuita a Cesare) “Alea iacta est!”. Letteralmente è “Cominci l’impresa!”… e così, quando avete un po’ di tempo, cominciate l’opera di preparazione del dado fatto in casa!

Tagliamo le verdure e le mettiamo in pentola (molti consigliano quella di coccio) senza acqua, coperte di sale e poi chiuse col coperchio. Dopo un’ora e mezza aprire il coperchio: si sarà formata anche l’acqua, lasciamola evaporare poi frulliamo il tutto e riempiamo gli stampini del ghiaccio. Così avremo i nostri dadi già belli e pronti e quando si è freddato, mettiamo in congelatore!

Claudia

Vi lascio gli ingredienti qui sotto…

INGREDIENTI:

 200 gr di sedano

 3 carote

1 cipolla grossa rossa

1 zucchina

110 gr di prezzemolo

20 foglie di basilico

2 rametti di rosmarino

15 foglie di salvia

150 gr di sale integrale

1 spicchio d’aglio

olio extra vergine di oliva q.b.

Un pensiero su “Il dado è tratto!

  1. Pingback: IL DADO HANDMADE! | CORRiNFORMA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *