Arancia – canticchiando “Orange crush” (R.E.M.)

arance

Vi lascio il link di youtube dove potete ascoltare Orange Crush dei R.E.M. Tanto per essere più connessi… io sto scrivendo l’articolo ascoltando questa vecchia canzone che mi è venuta in mente pensando alle cose da scrivere sull’arancia. Forse è stata una trovata commerciale… ho scoperto ora che l’orange crush non è una normale spremuta d’arancia ma un vero e proprio marchio.

orange-crush-1 A parte tutti questi miei collegamenti (musicali e pubblicitari), vorrei tornare agli argomenti che più mi competono: l’arancia, le sue caratteristiche e le proprietà nutrizionali. Nell’arancia troviamo vitamina C, A, flavoni, caroteni, e, nelle qualità rosse, anche antocianine. In più contiene sali minerali, come il calcio, fosforo, ferro. Sappiamo tutti che l’arancia aumenta le difese immunitarie, protegge la parete vascolare, è benefica per la vista, è disintossicante, favorisce le secrezioni gastriche, aiuta le funzionalità epatiche e renali e allontana raffreddori e simili! Grazie al contenuto di inositolo è ipocolesterolemizzante e un antirughe fantastico (previene l’invecchiamento cutaneo!). Unico stop per i diabetici: ci sono troppi zuccheri! Comunque, sembrerà un lungo e noioso elenco delle cose belle dell’arancia ma vale la pena che io riporti qui le funzioni nutrizionali dei vari componenti.

Calcio: serve all’organismo per le ossa, per la coagulabilità ematica e trasmissione neurologica;

Cloro: per il mantenimento della pressione osmotica nei liquidi interstiziali;

Ferro: sintesi di globuli rossi;

Fosforo: per la funzione secretiva delle ghiandole;

Magnesio: per una migliore digestione e per l’equilibrio neurologico e muscolare;

Potassio: migliora la diuresi ed è un protettore cardiaco;

Vitamina A: prevenzione di neoplasie e per trofismo di cute e mucose;

Vitamina C: antiossidante

Per le donne in menopausa, una ricetta azzeccata potrebbe essere: spaghetti con vongole, pesce ai ferri, arancia e olio extravergine di oliva (e mezzo melone, se è estate!). Le vongole e l’arancia condita sono fonti di calcio e sali minerali. Lo iodio delle vongole stimolano la tiroide che spesso in questa fase della donna è rallentata e l’adenosina del melone permette la fluidificazione del sangue.

Invece, per chi è a dieta, consiglio questa associazione: filetto ai ferri, una melanzana ai ferri e un’arancia. Il filetto attiva la funzione tiroidea grazie anche allo iodio della melanzana. Quest’ultima aiuta anche a buttar via tossine. L’arancia in questo caso gioca il ruolo di mantenimento dell’equilibrio salino che potrebbe essere “sballato” da una tiroide stimolata dalla carne e da un eventuale iodio dell’aglio e da vitamina C e ferro del prezzemolo (se sono stati usati prezzemolo e aglio nel condimento della melanzana).

OrangeKLA

 PS: Insalata invernale dalle ricette di Vanessa, cliccate qui!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *